Ecco Cosa Tutti Dovrebbero Sapere Sulla Paura Del Fallimento

    0
    598
    Ecco Cosa Tutti Dovrebbero Sapere Sulla Paura Del Fallimento

    In che modo la paura di fallire determina le tue scelte?
    Quali tragici scenari influenzano  il comportamento e le relazioni?
    Che tipo di percezione di Sé si cela dietro il timore del fallimento?

    Modelli comportamentali ed emotivi, la cui origine risiede negli anni dell’infanzia, influenzano in maniera significativa il modo di percepirsi, comportarsi e percepire gli altri, condizionando i rapporti interpersonali e la qualità della vita.

    Livelli elevati di ansia, rabbia e stress, molto spesso connessi a modalità cognitive autolesionistiche, inducono a reiterare sempre gli stessi comportamenti ed a rivivere ciclicamente i medesimi disagi, sofferenze e copioni relazionali.   

    Il timore del fallimento, strettamente connesso al concetto di autostima, rappresenta una “trappola” estremamente diffusa ed autodistruttiva, generando circoli viziosi di timore, angoscia e procrastinazione.

    Test Gratuito Ansia e Autostima

    Ecco le 5 risposte che devi conoscere sul timore di fallimento:

    Cosa è la paura del fallimento?

    La paura di poter fallire nasce dalla convinzione di essere inadeguati nelle relazioni e negli ambiti di affermazione personale, compromettendo in maniera determinante l’espressione di Sé e la manifestazione dei propri bisogni e delle proprie esigenze.

    Ansia, depressione ed angoscia divengono il frutto di una bassa percezione del proprio valore personale, costantemente confrontato con il gruppo dei pari o con uno standard immaginario eccessivamente elevato.

    Ogni performance, rappresentata  nella propria mente come destinata al fallimento, genera abbassamento dell’autostima, timore del giudizio, paura del rifiuto sociale e pensieri svalutanti.

    Evitare situazioni temute, non assumersi responsabilità e sviluppare feroci sensi di colpa rappresentano solamente alcune delle più comuni conseguenze connesse a tale paura.

    Quali condizioni dell’infanzia favoriscono l’origine della paura del fallimento?

    I timori irrazionali possono essere associati a diversi fattori connessi alla propria storia personale ed a relazioni vissute durante gli anni dell’infanzia e dello sviluppo:

    • Figure genitoriali eccessivamente critiche nei confronti delle prestazioni relazionali, scolastiche o sportive;
    • Figure genitoriali di successo in termini di status sociale, economico o culturale (modelli difficilmente raggiungibili);
    • Figure genitoriali depresse o incapaci di offrire una stabilità emotiva;
    • Difficoltà scolastiche, relazionali o sportive vissute con un senso di inadeguatezza, fragilità e debolezza personale;
    • Eccessivi confronti, nell’ambiente familiare, tra le proprie performance e quelle del gruppo dei pari (fratelli, cugini, compagni di classe, compagni di squadra);
    • Episodi di bullismo.

    Come si manifesta la paura del fallimento?

    Esistono diversi campanelli d’allarme tipicamente descrittivi di tale timore, quali:

    • Sabotare relazioni sentimentali o  promozioni lavorative;
    • Ricercare relazioni intime che ricordano i legami affettivi dell’infanzia;
    • Sviluppare un patologico perfezionismo al fine di sfuggire al giudizio altrui;
    • Avere ansia da prestazione nelle situazioni sociali nuove o nelle performace che possono essere soggette ad una valutazione del risultato;
    • Timore di porsi obiettivi definiti nel tempo;
    • Scegliere professioni al di sotto delle proprie possibilità;
    • Evitare di cominciare compiti in cui si teme di poter fallire;
    • Faticare a portare a termine le cose.

    Quali espressioni tipiche descrivono la paura del fallimento?

    Il linguaggio, strumento estremamente descrittivo degli stati mentali, rappresenta un canale attraverso il quale viene espresso il proprio mondo emotivo, dando voce a timori, preoccupazioni, inquietudini e tormenti.

    La paura del fallimento viene molto spesso svelata attraverso asserzioni quali:

    • “Se penso alla mia vita mi sembra di aver fallito quasi in ogni cosa”,;
    • “Vivo i fallimenti con un gran senso di umiliazione”;
    • “Lavoro al di sotto delle mie potenzialità”;
    • “Sarebbe terribile deludere chi mi vuole bene”;
    • “Le persone vanno giudicate per ciò che fanno, non per ciò che sono”;
    • “Provo spesso imbarazzo per non sentirmi all’altezza degli altri”;
    • “Nella mia vita ho fallito più di quanto avrei dovuto”;
    • “Il giudizio degli altri mi spaventa fortemente”;
    • “Tendo a criticarmi molto per i miei comportamenti”;
    • “Situazioni nuove, sociali o lavorative, mi spaventano molto”;
    • “A che serve impegnarsi se comunque le cose andranno male?”;
    • “Se fallirò rimarrò solo”;
    • “Riesco a concludere un lavoro solamente quando penso che sia perfetto e impeccabile”.

    Test Gratuito Ansia e Autostima

    Come poter contrastare la paura del fallimento?

    Al fine di poter superare la paura del giudizio altrui, e di tutto ciò che è connesso  all’idea di poter fallire, è opportuno intraprendere alcuni passi:

    • Favorire un esame di realtà: il timore di fallimento è frutto di una distorsione della realtà?
    • Divenire consapevoli delle proprie abilità e competenze, sviluppando capacità e attitudini specifiche;
    • Entrare in contatto con il proprio “bambino”, ovvero la parte interiore della storia personale che troppo a lungo si è percepita inadeguata e destinata alla sconfitta;
    • Riconciliarsi con vissuti personali di critica, rifiuto, trascuratezza, abbandono ed umiliazione;
    • Prendere le difese di se stessi;
    • Cercare di non reiterare modelli relazionali familiari nei rapporti interpersonali intimi;
    • Incrementare l’autostima e la percezione del proprio valore personale;
    • Coinvolgere le persone care senza timore che queste possano giudicare, criticare o colpevolizzare.

    CONCLUSIONI:

    Il superamento dei propri timori è possibile solamente attraverso una sana accettazione che essi possano verificarsi, senza catastrofizzare troppo eventuali scenari di fallimento o sconfitta.

    L’unico modo per ottenere successo e gratificazione è accettare il rischio di poter fallire, lasciando cadere la maschera sociale di perfezionismo ed intransigente eccellenza.

    Capire l’origine delle proprie paure, individuandone i pensieri e le emozioni sottostanti, è un primo fondamentale passo verso il benessere psicologico ed interpersonale, curando ferite passate e smettendo di sperimentare ansia, vergogna e sensi di colpa.

    Il Cambiamento è Sempre Possibile.

    Test Gratuito Ansia e Autostima

    LASCIA UN COMMENTO